Moda: il futuro è di seconda mano

 Il trend inarrestabile della moda di seconda mano. Ecco di cosa si stratta e perché piace sempre di più


Tempo di lettura:

​Mercatini domenicali, negozi dedicati al second hand che aprono in tutte le città, gruppi di scambio/vendita di abiti usati su Facebook, app per vendere accessori e capi griffati vintage... Il mercato della moda di seconda mano è in continua crescita. In tutto il mondo infatti sono sempre più le realtà fashion online e offline dedicate ai vestiti e agli accessori usati.

Se fino a qualche anno fa acquistare accessori o capi usati era qualcosa riservato ai meno facoltosi o, ancora, un mercato dedicato a una nicchia di appassionati di vintage, sempre in cerca di capi firmati ma rigorosamente fuori produzione, oggi la moda di seconda mano è sempre più apprezzata in tutto il mondo  soprattutto tra i giovanissimi.

Perché scegliere la moda di seconda mano?

Perché è economica. Permette di acquistare capi firmati, sartoriali e di alta qualità a prezzi contenuti. Dimentichiamoci dei vecchi negozi di abiti usati polverosi e disordinati. Oggi, negli shop dedicati al second hand, la qualità è sempre al centro dell'attenzione: i capi da vendere vengono selezionati, riparati, se necessario, e spesso modificati da sarte professioniste per renderli attuali.

Perché fa bene al pianeta. L'industria della moda è tra le più inquinanti e richiede un elevato consumo di acqua. Scegliere capi e accessori usati permette di ridurre l'utilizzo di energie e materie prime, ma anche di diminuire l'utilizzo di elementi inquinanti come pesticidi (utilizzati ad esempio nella coltivazione del cotone), solventi, tinture e altri prodotti chimici. Scegliere il second hand significa, inoltre, fare un primo passo verso l'economia circolare: i capi inutilizzati, in questo modo, non diventano rifiuti, ma possono avere una nuova vita.

Perché è redditizia. Cosa fare con i capi e gli accessori in buono stato che non mettiamo perché non ci vanno più bene o non ci piacciono più? I mercatini dell'usato, i negozi di seconda mano e le app dedicate alla vendita dei vestiti usati possono aiutarci a far spazio nell'armadio ma soprattutto ad arrotondare un po' grazie alle vendite. Se trattiamo i nostri capi con cura, anche dopo qualche anno continueranno ad avere valore, inoltre sarà più semplice trovare acquirenti.

Second hand: una tendenza diffusa ovunque

Solo negli USA nel 2018 il volume del mercato degli abiti usati è stato pari a 24 miliardi di dollari: una cifra enorme che i cittadini statunitensi hanno speso nei mercatini dell'usato, nelle boutique specializzate, ma soprattutto online.

Anche in Italia la moda di seconda mano è sempre più di tendenza, grazie alla generale sensibilizzazione verso il tema della sostenibilità e alla rapida diffusione di portali dedicati alla vendita di abiti e accessori usati, che permettono all'utente di fare tutto comodamente da casa. Tra i più conosciuti troviamo Depop, L'Armadio Verde e Svuotaly, tre portali differenti ma tutti molto apprezzati dagli utenti.

Depop è un famoso marketplace, molto in voga anche tra le influencer e le celebrities, dove è possibile vendere e comprare abiti ed accessori usati tra gli appartenenti della community, scambiandosi suggerimenti di stile e condividendo le ultime tendenze. L'app è una via di mezzo tra eBay e Instagram, facile da utilizzare e attiva in numerosi Paesi.

L'Armadio Verde, invece, è un portale online tutto italiano che nasce dall'idea di due genitori che hanno pensato di fondare una startup che punta sull'economia circolare degli abiti per creare un mercato sostenibile basato sulla moda di seconda mano, riducendo così gli sprechi. L'attività è nata per permettere ai genitori di acquistare vestiti per bambini di seconda mano, ma in ottimo stato e, in poco tempo, ha accolto anche abiti e accessori per tutta la famiglia.

Infine, Svuotaly è un altro sito specifico di compravendita dell'abbigliamento usato che permette ai membri della community di scambiare, vendere e discutere sull'abbigliamento proponendo i propri articoli ed il proprio stile.

La tendenza dell'usato è molto in voga sia in Italia che all'estero soprattutto tra i millennials. Anche le fashion addicted si stanno sempre più avvicinando a questa soluzione.

Chi si aspettava quindi di vedere questo trend scomparire rapidamente, rimarrà deluso. Oggi il fashion usato è tutt'altro che fuori moda e piace sempre di più.

{{average}}/5 ({{totalVote}})

 

 

Quanto costa avere un figlio? È possibile risparmiare?https://open.unipolbanca.it/quanto-costa-avere-un-figlio-è-possibile-risparmiareQuanto costa avere un figlio? È possibile risparmiare?L’Italia è uno dei paesi con il tasso di natalità più basso al mondo. La causa? Spesso manca quella sicurezza economica che invoglia a mettere su famiglia. Per i neo-genitori (o aspiranti tali), ecco qualche utile consiglio per risparmiare.12019-09-24T22:00:00ZGP0|#c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89;L0|#0c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89|Risparmio;GTSet|#5a6f47e2-c4bd-47bd-903c-21939f9b6e0bRedazionehttps://open.unipolbanca.it
Matrimonio low cost: tutti i consigli per risparmiarehttps://open.unipolbanca.it/matrimonio-low-cost-tutti-i-consigli-per-risparmiareMatrimonio low cost: tutti i consigli per risparmiareUn matrimonio con 100 invitati costa, in media, 15.000 euro. È possibile risparmiare senza rinunciare a nulla? Ecco come organizzare un matrimonio economico, ma da favola.12019-09-10T22:00:00ZGP0|#c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89;L0|#0c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89|Risparmio;GTSet|#5a6f47e2-c4bd-47bd-903c-21939f9b6e0bhttps://open.unipolbanca.it
Perché scegliere un fondo pensionehttps://open.unipolbanca.it/fondo-pensionePerché scegliere un fondo pensioneVista la situazione in cui versa il nostro sistema pensionistico pubblico, cresce sempre di più la richiesta dei fondi pensione che permettono ai lavoratori di avere a disposizione un tesoretto finanziario una volta conclusa la vita lavorativa.12019-09-01T22:00:00ZGP0|#c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89;L0|#0c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89|Risparmio;GTSet|#5a6f47e2-c4bd-47bd-903c-21939f9b6e0bRedazionehttps://open.unipolbanca.it