Economia circolare: Unipol Banca pensa al futuro

 Da sempre il gruppo bancario sostiene la lotta agli sprechi e si impegna per un futuro migliore a partire dai piccoli gesti quotidiani.

Economia circolare: Unipol Banca pensa al futuro


Tempo di lettura:

​​Unipol Banca aderisce anche quest'anno alla campagna di sensibilizzazione sul risparmio energetico e sugli stili di vita sostenibili "M'illumino di meno", ideata nel 2005 da Caterpillar e Rai Radio2.

Il tema centrale di questa nuova edizione è l'economia circolare e proprio pensando alla necessità di ridurre gli sprechi e dare nuova vita ad oggetti che hanno perso la loro funzione, Unipol Banca ha organizzato un'iniziativa dedicata al riciclo delle carte di credito scadute. In alcune filiali del gruppo bancario gli utenti hanno la possibilità di veder trasformare la vecchia carta in un portachiavi oppure in una targhetta per la valigia.

Unipol Banca e il Gruppo Unipol in generale, si propongono come realtà attente al risparmio in tutti i contesti, compreso quello energetico, eliminando gli sprechi e riciclando i materiali per ridurre l'impatto ambientale.

Il Gruppo, infatti, si impegna da sempre in iniziative volte a tutelare l'ambiente, come la scelta di gestire i consumi di tutti gli edifici di proprietà secondo lo standard ISO 50001 oppure l'idea di promuovere la mobilità sostenibile tra i propri dipendenti attraverso numerose convenzioni con società di trasporto pubblico e di bike e car sharing.

Il tema dell'inquinamento luminoso e dell'efficienza energetica sono invece diventati centrali per Unipol Banca che, negli anni, ha testimoniato il proprio impegno per la salvaguardia dell'ambiente con gesti non solo simbolici, ma anche concreti: spegnere le luci delle filiali come fatto in passato, ad esempio, o come l'iniziativa promossa in occasione dell'edizione 2019 di "M'illumino di Meno" che prevede la realizzazione di nuovi oggetti partendo da carte di credito scadute.

Questi piccoli gesti vogliono rappresentare un apporto concreto per la cura del nostro pianeta, riducendo gli sprechi e sposando la causa dell'economia circolare. 

Che cos'è l'economia circolare e i suoi vantaggi

L'economia circolare nasce per potersi rigenerare da sola basandosi sulla filosofia che "tutto finisce, ma tutto si rigenera". Si tratta quindi di un modello di sviluppo economico in grado di riutilizzare i materiali in successivi cicli produttivi, riducendo al massimo gli sprechi e mantenendo nel tempo il valore e l'utilità dei prodotti, dei loro componenti e dei materiali di cui sono costituiti.

Alla base di questa idea vi è la volontà di contrastare il classico modello di produttività economica basata sull'iper-sfruttamento delle risorse naturali che dopo il loro utilizzo vengono gettate via, adottando invece un approccio circolare, volto a riconsiderare l'intero processo del ciclo produttivo trasformandolo in un'opportunità per ridurre al minimo lo spreco energetico.

L'economia circolare consente di adattare soluzioni utili a sfide ambientali globali come la scarsità delle risorse e i cambiamenti climatici. In questo scenario l'approccio volto al risparmio energetico costituisce una risposta immediata a queste sfide perché si minimizza il bisogno di nuova richiesta di materiali e di energia e allo stesso tempo si riduce lo sfruttamento ambientale legato all'estrazione delle risorse e alla produzione dei rifiuti.

L'approccio circolare ha quindi il grande vantaggio di ridurre la domanda di materie prime e l'importazione delle stesse, consentendo così alle aziende non solo di essere meno vincolate dalla presenza di risorse, ma anche di aumentare la competitività dal momento che i costi industriali si abbassano.

Inoltre, la minore estrazione di materie prime a livello globale comporta il vantaggio di ridurre notevolmente l'impatto ambientale e climatico correlato ad esse, grazie alla minore emissione di Co2 nell'ambiente.

Italia, leader nell'economia circolare

Negli ultimi anni l'Italia sta facendo passi da gigante nel recupero della materia prima nel sistema produttivo, affermandosi così come paese fortemente impegnato nel rispetto dell'ambiente e nel riutilizzo delle risorse naturali volte al riciclo. 

Il paese infatti ha sempre praticato forme di uso delle materie prime e delle risorse naturali intelligenti, innovative ed efficienti in quasi tutti i settori produttivi, continuandosi ad espandere e registrando soprattutto negli ultimi anni un grande successo, affermandosi come modello da seguire per altri paesi europei in campo di sostenibilità e avanguardia ambientale.

I numeri italiani

Secondo dati Eurostat ripresi da Fondazione Symbola l'Italia è il più efficiente tra i grandi Paesi europei nel consumo di materia dopo la Gran Bretagna, che impiega 223,4 tonnellate di materia per milione di euro e la Germania che, oggi, impiega 423,6 tonnellate di materia per milione di euro.

Con un impegno straordinario su più fronti, il paese è riuscito a dimezzare il proprio consumo di materie prime, aumentando anche il riciclo industriale grazie alla produzione di più di 48,5 milioni di tonnellate di rifiuti non pericolosi destinati al recupero che hanno permesso di risparmiare tonnellate di energia primaria e di Co2.

La scelta di adottare un sistema produttivo circolare negli ultimi anni ha permesso un aumento del comparto produttivo italiano, ma ha anche aperto nuove opportunità di sviluppo, incentivando l'occupazione e soprattutto l'innovazione ambientale e tecnologica.

Economia circolare: l'eredità del gruppo Unipol

Unipol Banca negli ultimi anni ha dimostrato di voler cambiare le cose, lasciando in eredità al pianeta una logica diversa anche nella particolare attenzione per il risparmio energetico, nella gestione efficiente dei consumi e nell'attenzione a limitare lo spreco.

 E poi, forse la vera novità e allo stesso tempo la vera chiave del successo è il coinvolgimento dei dipendenti in primis, ma anche dei clienti a cui si offre un miglioramento a tutto tondo della qualità della vita, tramite soluzioni volte alla tutela, al supporto e alla realizzazione dei propri progetti tramite la logica del risparmio non solo economico, ma anche ambientale.

 Far parte di un grande movimento volto a ridurre l'impatto ambientale e viverne i risultati in ottica di economia circolare è quindi fondamentale per diventare cittadini responsabili.

{{average}}/5 ({{totalVote}})

 

 

Bike sharing, la nuova frontiera della mobilità sostenibile in cittàhttps://open.unipolbanca.it/risparmio/bike-sharing-la-nuova-frontiera-della-mobilità-sostenibile-in-cittàBike sharing, la nuova frontiera della mobilità sostenibile in cittàIl bike sharing è la nuova alternativa ecologica di mobilità che permette di spostarsi comodamente in città a bordo di una bicicletta condivisa, a costo ridotto e con grande beneficio per l’ambiente12019-04-01T22:00:00ZGP0|#c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89;L0|#0c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89|Risparmio;GTSet|#5a6f47e2-c4bd-47bd-903c-21939f9b6e0bRedazionehttps://open.unipolbanca.it
Interessi conto deposito, cosa sono e come calcolarlihttps://open.unipolbanca.it/risparmio/interessi-conto-deposito-cosa-sono-e-come-calcolarliInteressi conto deposito, cosa sono e come calcolarliCome far fruttare i propri risparmi in modo semplice? Con il conto deposito si può! Scopri i vantaggi di questa forma di investimento grazie ad una pratica guida per scegliere il prodotto che più risponde alle tue esigenze. 12019-03-11T23:00:00ZGP0|#c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89;L0|#0c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89|Risparmio;GTSet|#5a6f47e2-c4bd-47bd-903c-21939f9b6e0bRedazionehttps://open.unipolbanca.it
Salvadanaio digitale: risparmiare con un clickhttps://open.unipolbanca.it/risparmio/salvadanaio-digitale-risparmiare-con-un-clickSalvadanaio digitale: risparmiare con un clickTutte le app che ci aiutano a gestire ed investire il nostro denaro per realizzare sogni e obiettivi12019-01-09T23:00:00ZGP0|#c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89;L0|#0c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89|Risparmio;GTSet|#5a6f47e2-c4bd-47bd-903c-21939f9b6e0bRedazionehttps://open.unipolbanca.it