Car sharing: come funziona l'auto condivisa

 Il car sharing è un nuovo modo di intendere la mobilità che consente di condividere un'automobile con altre persone. Vediamo cos’è, come funziona e quali sono i vantaggi di questo servizio.

Car sharing: come funziona l'auto condivisa


Tempo di lettura:

Il car sharing è un servizio di mobilità urbana che permette di condividere un'automobile con altre persone, su noleggio, senza bisogno di pagare i costi di manutenzione del mezzo, ma semplicemente pagandone l'effettivo tempo di utilizzo.

Si tratta di una tipologia di mobilità perfetta per chi fa un uso sporadico dell'automobile e vuole considerare un'alternativa al trasporto pubblico oppure al taxi, servizio ben più dispendioso. È quindi utilizzato prevalentemente per gli spostamenti occasionali di breve durata, soprattutto nei grandi centri cittadini.

Sono numerose le proposte, dalle più tradizionali a quelle innovative, che stanno modificando l'idea di mobilità. Scegliere il car sharing, oltre ad abbattere le emissioni di CO2, abbatte anche i costi: niente più bollo, assicurazione, benzina e affitti per il box.

Car sharing, Car Pooling e Ride Sharing: quali sono le differenze?

È bene ricordare che il car sharing non va confuso con altri servizi dedicati alla mobilità che prevedono sempre la condivisione di un veicolo con altre persone quali il car pooling e il ride sharing.

Se il car pooling infatti è quella modalità di trasporto che consiste nella condivisione di automobili private tra un gruppo di persone con il fine principale di ripartire i costi del viaggio (Blablacar è il servizio di car pooling più famoso), il ride sharing invece si riferisce in generale all'attività di dare passaggi in auto, anche allo scopo di produrre un guadagno per il conducente (ne è un esempio Uber).

Tipologie di car sharing

Una volta stabilite le differenze rispetto agli altri servizi di mobilità che prevedono la condivisione di un'automobile, è bene distinguere anche le diverse tipologie di car sharing.

Attualmente esistono infatti due tipologie principali che differiscono tra loro per modalità di utilizzo e di prenotazione:

Station based
Questa modalità permette di usufruire di vetture depositate in stalli riservati sia per il prelievo, che per la consegna. La particolarità di questa tipologia di car sharing è che le automobili possono essere solitamente prenotate anche a distanza di tempo, cosa che assicura la disponibilità della vettura nel momento in cui è necessaria. La tariffazione è generalmente su base chilometrica oppure oraria.

Free floating
La modalità di flusso libero consente di noleggiare e riconsegnare la vettura in un qualunque luogo all'interno di un perimetro urbano predefinito, in genere abbastanza ampio. L'automobile è solitamente identificabile e prenotabile tramite app. Il prelievo avviene nel punto in cui l'ha rilasciata l'utente precedente. I veicoli non possono essere prenotati con anticipo, ma la prenotazione è quasi in tempo reale. La tariffazione è oraria, ma oltre una certa soglia può scattare anche la tariffa chilometrica.

Come funziona

Per usufruire del servizio innanzitutto bisogna scegliere quale compagnia e tipologia di car sharing utilizzare tra quelle esistenti.

Sarà poi necessario accedere al sito internet ufficiale – sia da desktop che da mobile – completare la registrazione inserendo i propri dati e aggiungere le informazioni relative alla propria carta di credito, selezionando eventualmente una forma di abbonamento (mensile o settimanale).

Un volta completato il processo iniziale di iscrizione, sarà poi sufficiente scaricare l'applicazione sul proprio smartphone e il gioco a fatto: ogni volta che sarà necessario usufruire del servizio basterà geolocalizzarsi, prenotando la vettura di interesse. Di volta in volta, l'app fornirà un codice usa e getta utile per sbloccare la vettura prima dell'utilizzo.

Terminato il noleggio si dovrà riconsegnare il mezzo o in un parcheggio adibito, oppure ovunque purché entro il perimetro consentito dalla compagnia e ovviamente non in divieto di sosta.

Il pagamento infine, verrà effettuato a fine dell'utilizzo direttamente tramite app collegata alla carta di credito, pagando il corrispettivo in termini di tempo e di consumi effettivi.

Quali sono i vantaggi del car sharing?

È economico perché permette di risparmiare sui costi di gestione e di manutenzione di un'automobile, dando la possibilità di circolare per la città con maggiore libertà, anche durante i blocchi del traffico, grazie all'accesso convenzionato alle aree ZTL e al parcheggio gratuito negli stalli di sosta a pagamento.

È pratico perché riducendo il numero di automobili in circolazione, risolve i problemi legati alla congestione del traffico e alla ricerca del parcheggio nelle grandi città. Si può inoltre considerare come una valida alternativa sia al taxi che ai mezzi pubblici. 

È ecologico perché grazie alla minor presenza di automobili, si ha la possibilità di diminuire le emissioni. Inoltre, sono sempre di più le auto condivise al 100% elettriche e quindi green.

Il car sharing in Italia

A più di un decennio dal debutto in Italia, il modello di business del car sharing continua a registrare risultati importanti, trovando spazio soprattutto tra i giovani e le persone che vivono nelle gradi città, che sempre più spesso preferiscono usufruire di automobili condivise al posto di acquistare un veicolo.

A dimostrare questa tendenza sono i dati dell'osservatorio 2018 dell'Euromobility che attestano come il car sharing, soprattutto quello "free floating", nel 2017 ha registrato un aumento del +18% ed è in continua crescita, in modalità diversa.

Tra le compagnie di car sharing più conosciute ci sono sicuramente Enjoy, Car2go, Share'ngo, DriveNow e IoGuido.

Invece, tra le città più attive nel promuovere questa tipologia di mobilità troviamo al primo posto Milano, che è stata la prima a sperimentare il car sharing e che oggi conta oltre 300.000 iscritti. Seguono poi Torino e Roma, che offrono all'utenza veicoli sia a benzina, che elettrici. Infine, ci sono città come Firenze, Bologna, Parma e Napoli, dove negli ultimi anni sono stati stanziati diversi investimenti per diversificare e ampliare il servizio.

In ogni caso, sono sempre più i capoluoghi minori, che per iniziativa pubblica oppure privata, si stanno attrezzando per rendere il car sharing una realtà attiva a tutti gli effetti.

{{average}}/5 ({{totalVote}})

 

 

Bike sharing, la nuova frontiera della mobilità sostenibile in cittàhttps://open.unipolbanca.it/risparmio/bike-sharing-la-nuova-frontiera-della-mobilità-sostenibile-in-cittàBike sharing, la nuova frontiera della mobilità sostenibile in cittàIl bike sharing è la nuova alternativa ecologica di mobilità che permette di spostarsi comodamente in città a bordo di una bicicletta condivisa, a costo ridotto e con grande beneficio per l’ambiente12019-04-01T22:00:00ZGP0|#c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89;L0|#0c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89|Risparmio;GTSet|#5a6f47e2-c4bd-47bd-903c-21939f9b6e0bRedazionehttps://open.unipolbanca.it
Interessi conto deposito, cosa sono e come calcolarlihttps://open.unipolbanca.it/risparmio/interessi-conto-deposito-cosa-sono-e-come-calcolarliInteressi conto deposito, cosa sono e come calcolarliCome far fruttare i propri risparmi in modo semplice? Con il conto deposito si può! Scopri i vantaggi di questa forma di investimento grazie ad una pratica guida per scegliere il prodotto che più risponde alle tue esigenze. 12019-03-11T23:00:00ZGP0|#c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89;L0|#0c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89|Risparmio;GTSet|#5a6f47e2-c4bd-47bd-903c-21939f9b6e0bRedazionehttps://open.unipolbanca.it
Economia circolare: Unipol Banca pensa al futurohttps://open.unipolbanca.it/risparmio/economia-circolare-unipol-banca-pensa-al-futuroEconomia circolare: Unipol Banca pensa al futuroDa sempre il gruppo bancario sostiene la lotta agli sprechi e si impegna per un futuro migliore a partire dai piccoli gesti quotidiani.12019-02-25T23:00:00ZGP0|#c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89;L0|#0c7e58d48-3409-43d8-a3fa-45658b66bf89|Risparmio;GTSet|#5a6f47e2-c4bd-47bd-903c-21939f9b6e0bRedazionehttps://open.unipolbanca.it